Gruppo Astrofili Volontari Ingauni


...io questo ciel che sì benigno
appare in vista, a salutar m'affaccio...

La sera del dì di festa (Giacomo Leopardi)


PERSEO




Perseo


E' abbastanza chiaro che qui si ricorda l'eroe greco figlio di Danae e Zeus, il quale, questa volta, la conquistò sotto l'aspetto d'una pioggia d'oro.
Il padre di Danae, Acrisio, temendo che sarebbe stato ucciso da Perseo, secondo la predizione di un oracolo, mise Danae ed il fanciulletto in una cesta che abbandonò alle onde perché affogassero. La cesta con le due creature pervenne all'isola di Serifo dove Ditti, fratello del locale re Polidette, ospitò i due naufraghi allevando il piccolo. Polidette s'invaghì di Danae e per allontanare il giovinetto gli impose di recargli il capo di Medusa, una delle tre Gorgoni, il cui sguardo impietriva gli uomini. L'impresa mortale fu resa possibile all'eroe grazie all'aiuto di Ermes e di Atena che gli fecero avere la cappa che rende invisibili, i calzari per volare e la bisaccia per portare impunemente il capo reciso di Medusa. Perseo uccise Medusa guardando la sua immagine rispecchiata dal suo scudo.
Durante il ritorno in patria, salvò Andromeda incatenata su una roccia per ordine di suo padre Cefeo, onde sacrificarla al Mostro marino (la Balena). La madre di Andromeda, la regina Cassiopea, però trama contro di lui, ma Perseo riesce ad uccidere i suoi nemici. Ritorna a Serifo in tempo per sottrarre la madre alla violenza di Polidette che alla vista della testa di Medusa, viene trasformato in pietra con tutto il suo popolo. Posto Ditti sul trono, con la moglie e la madre ritorna in Argo dove tuttora regnava il nonno Acrisio. Durante una gara di ginnastica, Perseo inavvertitamente lo colpisce con un disco, uccidendolo: in tal modo si avvera l'antica predizione dell'oracolo. Perseo addolorato, lascia il trono di Argo a Megapente, il quale gli cede il trono di Tirinto. Divenuto il re di Tirinto, Micene e Mideia ha da Andromeda più di tredici figli, fra cui Perses, che diventerà il capostipite degli Achemenidi i quali regneranno sulla Persia.
E tutto ciò avvenne perché la regina Cassiopea aveva offeso le Nereidi, figlie di Nettuno.

Perseo viene rappresentato nelle antiche mappe in piedi: in una mano tiene la testa della Medusa (la stella Algol) e nell'altra solleva una spada.


 

Pegaso                                                                                                                  Pesce Australe
     Le nostre rubriche:

Il cielo del meseAstrofotografiaCostellazioniMitoOggetti Messier

    Utilities:

LinkDownloadGlossarioAlfabeto grecoIl mercatino
Ultimo aggiornamento: 23 febbraio 2009
Cod. fiscale 90042010091 — Sede: Regione Isolabella n° 5, 17031 Albenga (SV)
Sede operativa: Comune di Caprauna (CN) - Località Arma
e-mail: infotiscali@astrogavi.it