Gruppo Astrofili Volontari Ingauni


...io questo ciel che sì benigno
appare in vista, a salutar m'affaccio...

La sera del dì di festa (Giacomo Leopardi)


M 76




M 76

Credit: N.A.Sharp, NOAO/AURA/NSF


NGC 650/651
Nome: Piccola campana muta o Nebulosa farfalla o Nebulosa Turacciolo
Tipo di oggetto: nebulosa planetaria
Costellazione: Perseo
Coordinate (2000): A.R. 01h 42,4min; Dec. +51° 34'
Distanza: 3500 a.l. (anche se le stime della distanza oscillano tra 1700 e 8200 a.l.)
Magnitudine visuale: 10,1
Dimensioni apparenti: 2,7' x 1,8'
Dimensioni reali: 2 x 1 a.l.

Scoperta da Méchain nel settembre 1780, M76 è una debole nebulosa planetaria, di forma irregolare, apparentemente formata da due gusci di gas a contatto (per questo motivo le sono stati assegnati due numeri del catalogo NGC).
Posta quasi al confine con la costellazione di Andromeda, ricorda, per il suo aspetto, la nebulosa M27 ed è formata da un anello luminoso e leggermente ellittico (che si sta espandendo alla velocità di 42 km/sec.) visto "di lato" e da due bolle di gas che si espandono ad una velocità ancora superiore, che sembrano formare le ali della "farfalla".
Complessivamente, questa nebulosa ha una estensione di 290".
La stella centrale, che nella sua fase finale di gigante rossa ha eiettato il materiale che ha dato origine alla nebulosa planetaria, è attualmente di mag. 16 ed ha una temperatura superficiale di 60000 K ed è destinata, in un futuro non molto lontano, a diventare una nana bianca.




 

M 75                                                                                                                  M 77
     Le nostre rubriche:

Il cielo del meseAstrofotografiaCostellazioniMitoOggetti Messier

    Utilities:

LinkDownloadGlossarioAlfabeto grecoIl mercatino
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2009
Cod. fiscale 90042010091 — Sede: Regione Isolabella n° 5, 17031 Albenga (SV)
Sede operativa: Comune di Caprauna (CN) - Località Arma
e-mail: infotiscali@astrogavi.it