Gruppo Astrofili Volontari Ingauni


...io questo ciel che sì benigno
appare in vista, a salutar m'affaccio...

La sera del dì di festa (Giacomo Leopardi)


LIRA




Lira


Le sue stelle più luminose formano un rombo nel quale sia i greci che i latini videro lo strumento musicale di Orfeo, sacerdote della Tracia capace di intonare splendidi canti con la cetra, incantando gli animali e l'intera natura.
Orfeo si unì agli Argonauti e, con la sua dolce musica, coprì il canto delle sirene, che cercarono, inutilmente, di distogliere gli eroi dalla loro impresa. Sposò una ninfa dei boschi, Euridice; un giorno essa, sfuggendo ad Aristeo, che voleva sedurla, fu morsa da un serpente e morì. Orfeo con il suo canto commosse le divinità infernali e scese nell'Oltretomba per riprendere con sé l'amata.
Plutone, infatti, gli aveva concesso questo, a patto che egli non le rivolgesse lo sguardo finché non fossero stati alla luce del sole. Egli, invece, preso dal desiderio di vederla, si voltò e la perse per sempre. Da allora Orfeo suonò con la sua lira solo melodie malinconiche. Il poeta, troppo addolorato per la morte della compagna trascurò di offrire sacrifici a Dioniso, che per questo mandò suoi seguaci per punirlo ed essi lo fecero a pezzi. Fu allora che le Muse, con il permesso di Zeus, posero il suo amato strumento, la lira, tra le stelle del cielo.

In base ad un altro mito, l'asterismo rappresenterebbe la lira del musico di Lesbo, Arione, di cui si parla nel mito del Delfino.
In passato fu detta anche "Tartaruga", dal momento che la lira sarebbe stata ricavata impiegando il guscio di una tartaruga e sette corde di budello di mucca. In seguito alla lira si affiancò un avvoltoio e la costellazione fu battezzata "Avvoltoio in picchiata".

Gli Arabi vi identificarono invece un'aquila ad ali chiuse, "Al Nasr al Waki". Da quest'ultima parola deriverà il nome di Vega, Alpha Lyrae.
Nelle rappresentazione medioevali si vede spesso un uccello rapace in volo con una lira tra gli artigli.
I Cinesi, invece associarono queste stelle ad una delicata storia d'amore: rappresenterebbero una tessitrice che un fiume (la Via Lattea) separa dal suo fidanzato, un pastore identificato con la stella Altair (nella costellazione dell'Aquila).


 

Lepre                                                                                                                  Lupo
     Le nostre rubriche:

Il cielo del meseAstrofotografiaCostellazioniMitoOggetti Messier

    Utilities:

LinkDownloadGlossarioAlfabeto grecoIl mercatino
Ultimo aggiornamento: 7 maggio 2008
Cod. fiscale 90042010091 — Sede: Regione Isolabella n° 5, 17031 Albenga (SV)
Sede operativa: Comune di Caprauna (CN) - Località Arma
e-mail: infotiscali@astrogavi.it