Gruppo Astrofili Volontari Ingauni


...io questo ciel che sì benigno
appare in vista, a salutar m'affaccio...

La sera del dì di festa (Giacomo Leopardi)


CORONA AUSTRALE




Corona Australe


Nome latino: Corona Australis (Coronae Australis) - CrA
Coordinate: A.R. 19 h; Dec.: -40°
Superficie: 128° quadrati
Fascia di osservabilità: Lat. -90°/+40°
Passaggio al meridiano: Agosto
Stella principale: Beta Coronae Australis

Piccola costellazione dell'emisfero meridionale celeste, che si trova tra il Sagittario e lo Scorpione.
E' una delle 48 costellazioni classiche di Tolomeo e nonostante le piccole dimensioni non è priva di interesse, trovandosi al bordo della Via Lattea.


Alfa
Coronae Australis (Alphecca Meridiana - separata Meridionale, per distinguerla dall'omonima alfa Coronae Borealis), di mag. 4,11, è una nana bianca con un raggio di 2,3 raggi solari, una temperatura superficiale di 9100 K ed una luminosità 30 volte maggiore di quella del Sole.
Impiega appena 18 ore a compiere una rotazione attorno al proprio asse, alla ragguardevole velocità di 180 km/sec. Dista 130 a.l.

Beta Coronae Australis, di mag. 4,10, è una gigante arancione con una temperatura superficiale di 5000 K e dista 508 a.l.
E', seppur di pochissimo, la stella apparentemente più luminosa della costellazione.

Stelle doppie
Gamma Coronae Australis, di mag. 4,23, è una stretta doppia di stelle gemelle bianco-giallastre, nella quale le due componenti, rispettivamente di mag. 4,84 e 5,08, sono separate di appena 1,21". Le due stelle impiegano 122 anni a rivolvere attorno al comune centro di massa percorrendo la loro orbita con moto retrogrado.
La coppia dista 58 a.l. e necessita di strumenti di almeno 100 mm. di apertura e forti ingrandimenti per essere separata.


Kappa Coronae Australis, è una facile doppia ottica nella quale le due componenti, non legate gravitazionalmente, sono separate di 21,4".
Kappa1 CrA, di mag. 6,31, è una gigante azzurra con una temperatura superficiale di 27000 K e dista 489 a.l., mentre Kappa2 CrA, di mag. 5,67, è una gigante azzurra con una temperatura superficiale di 29000 K e dista 1716 a.l.

Lambda Coronae Australis, di mag. 5,11, è una stella doppia le cui componenti, entrambe bianche, hanno rispettivamente mag. 5,13 e 9,0 e sono separate di 29,0"; la coppia dista 202 a.l.

HD 176269/70, di mag. 6,44, è una stella doppia le cui componenti, entrambe bianche, hanno rispettivamente mag. 6,40 e 6,69 e sono separate di 12,8"; la coppia dista 252 a.l.

Stelle variabili
Epsilon Coronae Australis, di mag. media 4,83, è una binaria ad eclisse con oscillazioni di luminosità comprese tra mag. 4,74 e 5,00 in poco più di 14 ore; dista 98 a.l.

R Coronae Australis, è una variabile irregolare con oscillazioni di luminosità comprese tra mag. 10,0 e 13,6 in un periodo indefinito. Dista 27 a.l.

V Coronae Australis, è una variabile irregolare del tipo R CrB, con oscillazioni di luminosità comprese tra mag. 8,3 e 16,5 in un periodo indefinito.

AM Coronae Australis, è una variabile pulsante semiregolare con oscillazioni di luminosità comprese tra mag. 7,6 e 11,7 in 187,5 giorni.

V686, di mag. media 5,36, è una variabile tipo a2 CVn, con oscillazioni di luminosità comprese tra mag. 5,25 e 5,41 in 7,34 giorni. Dista 425 a.l.

Ammassi stellari
NGC6496 - di mag. 9,2, è un ammasso globulare poco concentrato che dista 38.000 a.l.
E' dubbia la sua assegnazione a questa costellazione poiché si trova esattamente sul confine con la costellazione dello Scorpione; viene spesso assegnato a quest'ultima.

NGC6541 - di mag. 6,6, è un bell'ammasso globulare, luminoso ed estremamente compresso, situato a 22800 a.l. da noi.
Visibile già con un binocolo 11x80, necessita di strumenti potenti per tentare di risolverne le parti più esterne.

Nebulose
NGC6726/27/29 - è un insieme di nebulosità brillanti ed oscure che contiene molte stelle interessanti; nella parte settentrionale si osservano NGC6726 ed NGC6727, con una forma che ricorda vagamente un "8", e la presenza di diverse variabili T Tauri (come ad es. TY CrA).
A circa 4,7' sud est vi è la parte meno cospicua (NGC6729) ma non per questo meno interessante; con una forma che ricorda quella di un cometa, NGC6729 circonda la variabile R CrA, e presenta, al pari della stella, variazioni periodiche di luminosità.
Il complesso nebulare dista 420 a.l.

IC1297 - di mag. 10,7, è una piccola nebulosa planetaria con una forma spiccatamente ad anello, al cui centro è visibile una stella di mag. 10,45. Dista 12.200 a.l.
Difficile con strumenti amatoriali, necessita di grandi aperture ed alti ingrandimenti.

Be 157 (Bernes 157) - è una vasta nebulosa oscura che si estende da NGC 6726 alla Gamma CrA. Dista 420 a.l.
Date le grandi dimensioni, è un oggetto più adatto all'osservazione binoculare.


Galassie
-



 

Coppa                                                                                                                  Corona Boreale
     Le nostre rubriche:

Il cielo del meseAstrofotografiaCostellazioniMitoOggetti Messier

    Utilities:

LinkDownloadGlossarioAlfabeto grecoIl mercatino

Scheda riassuntiva


Alfabeto greco
a - A alfa
b - B beta
g - G gamma
d - D delta
e - E epsilon
z - Z zeta
h - H eta
q, J - Q theta
i - I iota
k - K kappa
l - L lambda
m - M mi
n - N ni
x - X csi
o - O omicron
p - P pi
r - R rho
s - S sigma
t - T tau
u - U ipsilon
f, j - F phi
c - C chi
y - Y psi
w - W omega

Ultimo aggiornamento: 11 marzo 2010
Cod. fiscale 90042010091 — Sede: Regione Isolabella n° 5, 17031 Albenga (SV)
Sede operativa: Comune di Caprauna (CN) - Località Arma
e-mail: infotiscali@astrogavi.it