Gruppo Astrofili Volontari Ingauni


...io questo ciel che sì benigno
appare in vista, a salutar m'affaccio...

La sera del dì di festa (Giacomo Leopardi)


BOVARO (o BIFOLCO)




Bovaro


Il Boote, noto sia come "il Bovaro" o "il Bifolco", è una costellazione che non ha un ruolo preciso nella mitologia greca, ma risale probabilmente ad un'epoca ancora anteriore alla civiltà ellenica, testimoniando i legami tra l'osservazione del cielo e il passaggio alla pastorizia e all'agricoltura delle società di cacciatori, in epoca preistorica.
Boote rappresenterebbe Arcade, figliio della ninfa Callisto.  Callisto era una ninfa al seguito della dea della caccia Artemide. Zeus la vide e volle sedurla, ma poiché essa fuggiva gli uomini (le ancelle di Artemide, come la dea stessa, avevano fatto voto di castità) prese le sembianze di Artemide per possederla. Callisto, nonostante l'inganno, resistette coraggiosamente alla forza del dio, ma non ci fu nulla da fare. In seguito a questa unione, Callisto rimase incinta e quando Artemide lo scoprì, furiosa, la scacciò e la moglie di Zeus, altrettanto adirata, infierì sull'incolpevole ninfa trasformandola in orsa. 
Molti anni dopo, Arcade, il figlio nato dalla violenza di Zeus, andando a caccia nei boschi, incontrò, inconsapevole, la madre che, riconosciutolo e guardandolo fissamente, cercò di avvicinarglisi. Arcade, spaventato, fu sul punto di colpirla con una freccia mortale quando Zeus, finalmente impietosito per la sorte della sua vittima, impedì il delitto e portò in cielo entrambi trasformando Callisto nell'Orsa Maggiore e Arcade nella costellazione di Artofilace (in greco "guardiano dell'orsa"). A questo nuovo affronto Era, la moglie di Zeus, reagì rabbiosamente, facendo in modo che per l'eternità alla Grande Orsa fosse impedito di lavarsi nelle acque dell'oceano. E in effetti, a quel tempo, a causa del moto precessionale, l'Orsa Maggiore era circumpolare anche alle latitudini della Grecia.

In seguito la costellazione prese il nome di Bootes (in greco "pastore di buoi, bovaro, bifolco").

Per i latini, descrivendo il suo ampio cerchio intorno al polo, Bootes custodiva i "septem triones", i sette buoi identificati nelle stelle principali dell'Orsa Maggiore.
Alpha Bootis è Arturo, un nome familiare che non deve indurre ad un'etimologia ingenua: in realtà Arturo è una corruzione popolare del greco "arctos-oura", il quale significa "coda dell'orsa". Infatti, questa stella s'incontra proprio sul prolungamento della curva suggerita dalle tre stelle del timone.

Nota: Si osservi che Callisto è il nome dato al quarto satellite di Giove.


 

Bilancia                                                                                                                  Cancro
     Le nostre rubriche:

Il cielo del meseAstrofotografiaCostellazioniMitoOggetti Messier

    Utilities:

LinkDownloadGlossarioAlfabeto grecoIl mercatino
Ultimo aggiornamento: 7 maggio 2008
Cod. fiscale 90042010091 — Sede: Regione Isolabella n° 5, 17031 Albenga (SV)
Sede operativa: Comune di Caprauna (CN) - Località Arma
e-mail: infotiscali@astrogavi.it