Gruppo Astrofili Volontari Ingauni


...io questo ciel che sì benigno
appare in vista, a salutar m'affaccio...

La sera del dì di festa (Giacomo Leopardi)


BALENA




Balena


Nome latino: Cetus (Ceti) - Cet
Coordinate: A.R. 1,42 h; Dec.: -11,35°
Superficie: 1231° quadrati
Fascia di osservabilità: Lat. -90°/+70°
Passaggio al meridiano: novembre
Stella alfa: Menkar

Grande costellazione equatoriale celeste che, benché occupi una superficie di 50°x20°, non include stelle superiori alla 2a magnitudine.
E' posta in una regione di cielo dedicata all'acqua, vicina a costellazioni come l'Acquario, i Pesci ed Eridano; la figura mitologica di questa costellazione ha ben poco a che fare con le balene che tutti conosciamo: in realtà si tratta di un mostro marino del tutto immaginario, con testa di drago, pinne anteriori da tricheco, corpo squamoso e spire da serpente marino.

Alfa
Ceti (Menkar - narici), è una gigante arancione con temperatura superficiale di 3700 K, diametro 96 volte quello del Sole e massa pari a tre masse solari; è una variabile irregolare a lungo periodo con variazioni di luminosità da mag. 2,45 a 2,54. Dista 220 a.l.
Non è la stella più brillante della costellazione essendo superata in luminosità dalla stella beta e talvolta, in occasione di picchi particolarmente alti, anche dalla stella omicron.

Stelle doppie
Gamma Ceti (Kaffaljidhma - palmo di mano accorciato), di mag. 3,47, è una interessante stella doppia le cui componenti, l'una gialla di mag. 3,60 e l'altra blu di mag. 7,40, sono separate di 2,9". Le due stelle sono separate tra loro di circa 60 U.A. ed orbitano attorno al comune centro di massa in diverse migliaia di anni.
Attorno alla coppia principale orbita una terza stella, una nana rossa di mag. 10,0, alla ragguardevole distanza di 18.000 U.A.
Il sistema dista 80 a.l. da noi.

Zeta Ceti (Baiten Kaitos - la pancia del mostro marino), di mag. 3,74, è una stella gialla con temperatura superficiale di 4600 K, massa tripla e diametro di 27 volte quello del Sole. Ha una compagna ottica di mag. 10, non legata fisicamente ed è anche una binaria spettroscopica a lungo periodo. Dista 259 a.l.

UV Ceti (L 726-8 = Luyten 726-8), è il prototipo delle stelle a flare ed è il membro più piccolo di un sistema binario formato da due nane rosse estremamente piccole e deboli, la cui massa complessiva è di circa 0,08 masse solari.
I brillamenti di questa stella (che al minimo tocca mag. 12,9) sono caratterizzati da una estrema rapidità, con aumenti nella luminosità anche di 2-3 magnitudini in meno di un minuto (il massimo si raggiunse nel 1952, con mag. 6,8) seguiti da un affievolimento veloce, dell'ordine di pochi minuti.
E' anche una delle stelle a noi più vicine, trovandosi a soli 9 a.l.

13 Ceti, di mag. 5,20, è una doppia a brevissimo periodo le cui componenti, di mag. 5,6 e 6,4, sono separate di 0,35" (risolvibili con strumenti di almeno 300 mm. di apertura ed ottimo seeing).
La primaria è a sua volta una binaria spettroscopica ed una probabile variabile del tipo d Scuti. Dista 68 a.l.

S186, di mag. 6,01, è una doppia le cui componenti sono due stelle bianche entrambe di mag. 6,8, separate di 1". Dista 127 a.l.

S330, di mag. 7,16, è una doppia le cui componenti hanno rispettivamente mag. 7,3 e 9,3 e sono separate di 8,8". Dista 500 a.l.

Stelle variabili
Beta Ceti (Deneb Kaitos - coda della balena), di mag. 2,04, è una sospetta variabile con temperatura superficiale di 4800 K, massa 2,7 volte quella del sole e diametro doppio rispetto alla nostra stella. Dista 95 a.l. ed è la stella più luminosa della costellazione.

Omicron Ceti (Mira - la Meravigliosa), di magnitudine media 6,47, è la prima stella a cui è stata riconosciuta una variabilità (ad opera di Davide Fabricius, nel 1596) ed è anche la più luminosa tra le variabili pulsanti a lungo periodo, nonché prototipo degli oggetti della sua classe. Varia in luminosità da mag. 10 a mag. 3 o 4, eccezionalmente a mag. 2.
Mira Ceti è una gigante rossa con un diametro di circa 556.000.000 di km. (il che significa che se si trovasse al posto del Sole, si estenderebbe ben oltre l'orbita di Marte), ha una temperatura superficiale di soli 1900 K (abbastanza bassa da permettere l'esistenza di composti molecolari, tra cui l'acqua) e dista 419 a.l.
Periodicamente (ogni 331,96 giorni) questa stella si contrae, aumentando di volume, ed incrementando la sua temperatura fino a circa 2700 K, quindi la stella si arrossa maggiormente, i composti molecolari si dissolvono e diventa ben 80 volte più luminosa del Sole. Dopodiché lentamente Mira torna ad espandersi ed il ciclo riprende.
Si crede che queste pulsazioni siano collegate alle particolari condizioni che si verificano nel nucleo della stella al momento dell'accensione del bruciamento dell'elio e che essa si stia avviando a generare una nebulosa planetaria, perdendo massa ad un ritmo elevatissimo attraverso fortissimi venti stellari.
Omicron Ceti è anche una stella doppia la cui compagna, di colore blu, è separata di 0,6", il che corrisponde ad una distanza reale di 50 a.l.
La secondaria è a sua volta una variabile con variazioni di luminosità da mag. 10 a mag. 12. Si tratta di una calda sub-nana con una densità di 3300 volte quella del Sole, probabilmente immersa nel materiale eiettato dalla primaria.

AD Ceti, è una variabile irregolare la luminosità oscilla tra mag. 4,9 e 5,16; è anche una stella doppia la cui compagna, di mag. 11,4, è separata di 3,0". Dista 600 a.l.

Stelle peculiari
Tau Ceti, di mag. 3,49, è una stella molto simile al Sole la cui peculiarità consiste nel fatto di essere la settima in ordine di vicinanza alla nostra stella (tra quelle visibili ad occhio nudo), preceduta solo da alfa Cen, Sirio, epsilon Eri, 61 Cyg, Procione ed epsilon Ind. Dista 11,9 a.l.

Ammassi stellari
-

Nebulose
NGC246 (Nebulosa Teschio) - di mag. 8,5, è una nebulosa planetaria piuttosto estesa e brillante con un disco irregolare e diametro reale di circa 6 a.l. Visibile già con strumenti di 150 mm. di apertura, utilizzo della visione distolta e possibilmente di filtro OIII. La stella centrale è doppia: le componenti, di mag. 12,0 e 14,3, sono l'una azzurra e l'altra arancione. Dista 2100 a.l.

Galassie
M 77 - di mag. 8,9, è una bella galassia a spirale classificata come galassia di Seyfert di tipo II, la più vicina e brillante tra quelle appartenenti a questa classe. E' il membro dominante di un piccolo gruppo di galassie e dista 60.000.000 di a.l.

NGC45 - di mag. 10,6, è una galassia a spirale vista quasi frontalmente che, seppur debole, è abbastanza estesa da mostrare numerosi addensamenti di nubi stellari e regioni nebulari. Dista 19.000.000 di a.l.

NGC151 - di mag. 11,6, è una debole galassia a spirale che, per essere osservata necessita di aperture elevate e rende il meglio di sé nelle riprese digitali, con le quali si possono evidenziare i noduli e le condensazioni dei bracci.

NGC157 - di mag. 10,4, è una debole galassia a spirale barrata vista frontalmente, con nucleo brillante che non consente facilmente di notare la barra e bracci poco evidenti, quasi impossibili per strumenti amatoriali. Dista 61.000.000 di a.l.

NGC210 - di mag. 10,9, è una galassia a spirale con nucleo brillante e bracci poco evidenti. Dista 66.000.000 di a.l.

NGC247 - di mag. 8,86, è una grande ma fioca galassia a spirale vista quasi di taglio; fa parte del Gruppo dello Scultore, dominato da NGC253 e di cui fanno parte anche NGC45, NGC55, NGC300 ed NGC7793.
Ha un diametro di circa 40.000 a.l., una massa che è pari ad un decimo di quella della Via Lattea e dista  7.000.000 di a.l. Per essere apprezzata necessita di strumenti di 250-300 mm. di apertura.

NGC337 - di mag. 11,6, è una piccola galassia a spirale con un bel nucleo brillante situata in prossimità di NGC337A, di mag. 12,2, più grande della precedente ma debolissima; è anch'essa una galassia a spirale e necessita, per essere individuata, di strumenti di almeno 200 mm. di apertura. Dista 45.000.000 di a.l.

NGC578 - di mag. 10,9, è una galassia a spirale con un bel nucleo brillante che si evidenzia nelle foto a lunga posa.

NGC615 - di mag. 11,6, è una debolissima galassia a spirale che dista 75.000.000 di a.l.

NGC720 - di mag. 10,2, è una piccola e brillante galassia ellittica con un nucleo molto luminoso. Dista 66.000.000 di a.l. Visibile già con strumenti di 120-150 mm. di apertura.

NGC779 - di mag. 11,2, è una debole galassia a spirale vista quasi di profilo. Dista 56.000.000 di a.l.

NGC864 - di mag. 10,9, è una debole galassia a spirale vista di fronte. Dista 65.000.000 di a.l.

NGC908 - di mag. 10,2, è una bella galassia a spirale abbastanza luminosa, più brillante verso il centro. Dista 58.000.000 di a.l.

NGC936 - di mag. 10,1, è una galassia a spirale barrata che, all'osservazione visuale, si presenta di forma rotondeggiante ed appare immersa in una nebulosità omogenea; per individuare i bracci occorrono strumenti di almeno 200 mm. di apertura. Ha dimensioni paragonabili a quelle della Via Lattea e dista 50.000.000 di a.l.

NGC988 - di mag. 11,0, è una debole galassia a spirale barrata la cui osservazione è resa ancora più difficoltosa dalla estrema vicinanza della stella HD16152. Dista 60.000.000 di a.l.

NGC1032 - di mag. 11,6, è una sottile galassia a spirale abbastanza brillante, vista perfettamente di taglio ed attraversata da una banda oscura di polveri.

NGC1042 - di mag. 11,0, è una galassia a spirale vista di fronte che, osservata con strumenti di diametro inferiori a 200 mm., si presenta come una debole nebulosità rotondeggiante con un piccolo nucleo brillante. Dista 55.000.000 di a.l.

NGC1073 - di mag. 11,0, è una galassia a spirale barrata vista frontalmente con nucleo brillante ma bracci troppo deboli per essere osservati con strumenti amatoriali. Dista 50.000.000 di a.l.

NGC1087 - di mag. 10,9, è una debole galassia a spirale che dista 62.000.000 di a.l.

IC1613 (Caldwell 51)- di mag. 9,2, è una debole galassia irregolare, membro del Gruppo Locale di galassie; non si tratta di un oggetto facile per i telescopi amatoriali ma resta pur sempre di grande interesse poiché al suo interno sono state individuate numerose Cefeidi. Dista 2.300.000 a.l.
Per poterla individuare occorrono strumenti di almeno 400 mm. di apertura e ottimo seeing.



 

Ariete                                                                                                                  Bilancia
     Le nostre rubriche:

Il cielo del meseAstrofotografiaCostellazioniMitoOggetti Messier

    Utilities:

LinkDownloadGlossarioAlfabeto grecoIl mercatino

Scheda riassuntiva


Alfabeto greco
a - A alfa
b - B beta
g - G gamma
d - D delta
e - E epsilon
z - Z zeta
h - H eta
q, J - Q theta
i - I iota
k - K kappa
l - L lambda
m - M mi
n - N ni
x - X csi
o - O omicron
p - P pi
r - R rho
s - S sigma
t - T tau
u - U ipsilon
f, j - F phi
c - C chi
y - Y psi
w - W omega

























Illustrazione di Mira Ceti










































































































Ultimo aggiornamento: 23 febbraio 2009
Cod. fiscale 90042010091 — Sede: Regione Isolabella n° 5, 17031 Albenga (SV)
Sede operativa: Comune di Caprauna (CN) - Località Arma
e-mail: infotiscali@astrogavi.it